08 Apr

Vaccini, finiremo a marzo del 2022

Il termine previsto per la campagna vaccinale in Abruzzo contro il covid-19 è ad oggi sabato 26 marzo 2022. Abbiamo iniziato a somministrare il primo vaccino il 27 dicembre 2020.
Fino a ieri, sono state somministrate 259mila 295 dosi, ma ne mancano 1mln 811mila 011 per vaccinare l’80% della popolazione, con due dosi a testa.

Al ritmo di 5mila 135 somministrazioni al giorno, tenuto negli ultimi 7 giorni, mancano circa 11 mesi e 23 giorni prima di raggiungere l’obiettivo. Per farlo entro settembre 2021, bisognerebbe somministrare una media di 10mila 340 dosi al giorno. Più del doppio.

Attualmente le persone vaccinate con due dosi sono 78mila 342 (una media di 1.509 al giorno), pari al 7,6% dell’obiettivo di copertura vaccinale della popolazione.

E’ una proiezione che si può fare ogni giorno, una specie di tassametro come quello che avevamo inventato per la metropolitana di superficie, dove ogni giorno di fermo di lavori segnavamo le riserve dell’impresa, mentre il tassametro continuava a girare. E’ un po’ la stessa storia e a fornirla è l’associazione onData per la campagna #datiBeneComune e per un principio civilissimo secondo il quale è sacrosanto far sapere a tutti come vanno veramente le cose.

E infatti con questo progetto lo possiamo verificare ogni giorno è tutto libero tutto consultabile, sappiamo come vanno le cose in Italia e sappiamo pure come vanno nel mondo. C’è anche uno spazio dedicato a spiegare gli effetti dei vaccini e come sono stati pensati tecnicamente.

Siamo quindi a caro amico in Abruzzo e siamo a caro amico in Italia per cui, di questo passo, finiremo il 14 aprile del 2022, fra un anno e una settimana.
Sono infatti state somministrate 11milioni 697mila 942 dosi, ma ne mancano 83milioni 728mila 439 per vaccinare l’80% della popolazione, con almeno due dosi a testa.
Al ritmo di 225mila 080 somministrazioni al giorno, tenuto negli ultimi sette giorni, manca un anno e sei giorni per raggiungere l’obiettivo, per anticiparlo, come promesso dalla politica, a settembre 2021, bisognerebbe somministrare una media di 478mila 067 dosi al giorno.

Che poi al di là di chi strilla di qua e ristrilla di là tutto continua ad andare esattamente come deve andare perché in Abruzzo, nella categoria “Altro”, risultano oramai somministrate 47mila 449 dosi, ben oltre le 25mila del 30 marzo scorso, vaccini in frigo o no, quindi se si vuole evidentemente si pedala, sul totale delle 259mila 295 dosi somministrate nell’intera Regione peraltro. Un bel colpo non c’è che dire, non sappiamo ancora chi sono sappiamo però che gli anziani della provincia aquilana chiamati finora sono fermi al 35%, e in Abruzzo, attendono la prima dose in più di 51mila, il 43.59%, secondo il report settimanale del Governo.