02 Mag

Vigili del Fuoco, no vicino al cimitero

Abbiamo ribadito in commissione Garanzia e controllo la nostra netta contrarietà all’Accordo tecnico di attuazione tra Comune e Dipartimento dei Vigili per la realizzazione della sede del Comando provinciale dei Vigili del Fuoco dell’Aquila in via Panella, perché inutile per i vigili stessi e dannosa per la città. Con 12 milioni di euro stanziati da anni e subito spendibili, gli aquilani hanno il dovere di pretendere ben altro.

Così il Conapo, sindacato autonomo dei Vigili del fuoco e rappresentante della maggioranza assoluta del personale operativo dell’Aquila, ribadisce in una nota la propria contrarietà  ai lavori.

Nel 2019, ricordano Elio D’Annibale e Ermanno Pitone, rispettivamente segretario regionale e provinciale del Conapo, fu proprio il Dipartimento dei Vigili del Fuoco a stabilire che per ricostruire una sede adeguata alle esigenze del comando dell’Aquila occorreva un’area di circa 22mila metri quadrati da realizzare in un’altra zona perché l’area attuale non era più idonea ad ospitarla. Tant’è che concordammo di puntare sull’ex caserma Rossi e poi, come seconda ipotesi avanzata dallo stesso Dipartimento, sull’area di Coppito dove è presente la nostra direzione regionale. Peccato che entrambe le ipotesi sono ben presto sfumate e peraltro siamo ancora in attesa di capirne i veri motivi.

In commissione, quindi, abbiamo semplicemente chiesto che in considerazione del fatto che si dispone di fondi sufficienti e che la città dell’Aquila è in piena fase di ricostruzione, il Dipartimento e il Comune dell’Aquila hanno il dovere di realizzare un’opera pubblica al passo con i tempi e funzionale alle esigenze dei Vigili stessi, in una zona adeguata che non può essere certamente quella a ridosso del cimitero monumentale. Ci siamo appellati ai consiglieri che saranno chiamati a rinormare quella zona di città, chiedendogli di non votare nessun provvedimento che agevoli la costruzione della caserma nell’area di via Panella, con la consapevolezza che in tal caso non farebbero uno sgarbo istituzionale ai Vigili del fuoco, peraltro cittadini, contribuenti nonché elettori, ma, al contrario, ne promuoverebbero e agevolerebbero il benessere e il lavoro.

Ringraziamo la quinta commissione ed il presidente Giustino Masciocco, Stefano Palumbo per averne chiesto la convocazione e l’assessore all’Urbanistica e pianificazione Daniele Ferella per la riconfermata disponibilità a lavorare tutti insieme nel senso da noi auspicato, che peraltro è lo stesso concordato nel 2019 proprio con l’ex ministro della Lega Salvini.