07 Ott

La Pescara/Roma, in meno di due ore

La linea ferroviaria Roma/Pescara è un progetto da 6,5 miliardi di euro a cui andranno aggiunti 250 milioni per rendere la linea utilizzabile anche per le merci.
Per la ministra delle Infrastrutture, Paola De Micheli, il piano temporale di attuazione di questo intervento infrastrutturale prevede dai 7 ai 12 anni di lavoro, ma per superare alcuni ritardi e ostacoli introdurremo quest’opera nell’elenco delle opere da commissariare che verrà definito, di qui a breve, con un decreto del Presidente del Consiglio dei ministri.

Paola De Micheli

In questo tempo in cui affronteremo legge di bilancio, Next generation EU, riprogrammazione dei fondi europei, ha aggiunto, siamo nelle condizioni di finanziare l’opera per far partire tutti i processi conseguenti.

Il servizio potenziato collegherà Roma/Avezzano/Sulmona/Pescara. Oggi per raggiungere la città adriatica partendo dalla capitale servono almeno 3 ore e venti minuti. Con il nuovo tracciato ci vorranno 50 minuti da Avezzano a Roma e appena 30 minuti da Sulmona a Pescara, con treni ogni mezzora. I convogli viaggeranno ad una media di 160 chilometri all’ora con punte di 200.
Per coprire i 207 km che separano Roma e Pescara con la nuova ferrovia serviranno 1 ora e 59 minuti, mentre un normale bus di linea ne impiega oggi circa 2 ore 15 minuti. I 6,5 miliardi di euro sono ancora da stanziare.

 

Marsilio: “E’ stato un sogno per troppo tempo”

Finalmente siamo al punto di svolta definitivo per poter realizzare quello che è stato un sogno per troppo tempo. Obiettivo arrivare da Pescara a Roma in meno di due ore, così il presidente della Regione Abruzzo, Marco Marsilio, nel corso della conferenza stampa di questa mattina a Roma al Ministero delle Infrastrutture.
Abbiamo modificato radicalmente il vecchio progetto per poter ottenere tempi compatibili con la modernità e le nuove esigenze, ha spiegato Marsilio. Il progetto prevede un tempo di percorrenza di cinquanta minuti da Avezzano a Roma e di quaranta minuti da Sulmona a Pescara, con treni che partono ogni mezz’ora. Questi sono i principali obiettivi di percorrenza e di carico. Con l’impegno del Ministero, questo discorso viene esteso anche al trasporto merci, per rendere questa linea concorrenziale anche per lo sviluppo economico e industriale del territorio. Nel corso della conferenza stampa, Marsilio ha anche anticipato la volontà di replicare l’esperienza del tavolo di lavoro della Roma/Pescara per un’altra direttrice che oggi non esiste, ma sulla quale c’è una grande richiesta, tra L’Aquila e Roma.