23 Ago

Perdonanza, le modifiche alla viabilità

Il comando di Polizia Municipale rende noto che in occasione della 725ma Perdonanza Celestiniana è stata emanata l’ordinanza n. 547/T/2019, pubblicata sull’albo pretorio del Comune dell’Aquila a questo link http://www.albo-pretorio.it/albo/archivio4_atto_0_335230_0_3.html, con la quale sono state adottate le modifiche alla viabilità necessarie per consentire lo svolgimento delle varie manifestazioni civili e religiose in programma.


Centro Storico

Si premette che l’area pedonale urbana  del centro storico rimane in vigore anche nel periodo della Perdonanza; pertanto, dalle 20 di ogni giorno alle 2 del giorno successivo è interdetta la circolazione veicolare in piazza Battaglione Alpini, corso Vittorio Emanuele, piazza Duomo, corso Federico II (da via Battisti a piazza Duomo), via Verdi (da via Tempera a corso Vittorio Emanuele), via Garibaldi, piazza Chiarino, via Sallustio (da via Cavour a corso Vittorio Emanuele).
Nelle fasce orarie di vigenza dell’Area Pedonale, nel periodo della Perdonanza, la porzione di piazza Battaglione Alpini adiacente vialetto Malta è riservata alla sosta dei veicoli a servizio delle persone con disabilità muniti dell’apposito contrassegno.
Ad integrazione dell’area pedonale verranno adottate ulteriori chiusure in relazione alle manifestazioni in programma.

a) Il primo tratto di corso Federico II, da via XX Settembre a via Battisti, è interdetto alla circolazione tutte le sere a partire dalle 20 di stasera e fino al 26 agosto; il 27 e il 29 agosto dalle ore 17, mentre il 28 agosto, giorno del Corteo della Bolla, dalle ore 11.00.

b) In occasione della Fiera della Perdonanza di domenica 25 agosto, dalle 7 alle 21 saranno chiuse alla circolazione via e piazza San Bernardino e corso Vittorio Emanuele (portici).

c) Per l’evento musicale “L’Aquila Suona” di martedì 27 agosto, a partire dalle ore 17 sarà interdetto alla circolazione tutto il centro storico, ovvero una vasta area che va da piazza Battaglione Alpini alla Villa Comunale comprendendo le principali piazze cittadine e le vie limitrofe; tra le altre, piazza San Bernardino, piazza Duomo, piazza Palazzo, piazza Chiarino, piazza Regina Margherita, piazza IX Martiri e piazza dei Gesuiti.

 

Area della Basilica di Collemaggio

Il piazzale della Basilica di Collemaggio sarà teatro dei grandi eventi previsti nel programma dell’evento celestiniano, per consentire i quali saranno chiusi al traffico dalle ore 18 (a partire dal concerto di stasera), viale Collemaggio, via Caldora (dal tunnel fino al piazzale della basilica) e via Girolamo da Vicenza (dal tunnel a via Cencioni).
Ai veicoli a servizio di persone con disabilità saranno consentiti, per tutto il periodo della manifestazione, l’accesso e la sosta nell’area dell’ex ospedale di Collemaggio utilizzando il varco di via Caldora. 

 

Cortei storici

Mercoledì 28 e giovedì 29 agosto, in concomitanza con i Cortei storici della Bolla e l’apertura della Porta Santa, è previsto il divieto di circolazione lungo l’asse viario che cha va dai Quattro Cantoni alla Basilica di Collemaggio, passando per corso Vittorio Emanuele, piazza Duomo, corso Federico II, viale Crispi e viale Collemaggio: il 28 le strade interessate dal Corteo della Bolla saranno chiuse a partire dalle ore 11, mentre il 29 per il Corteo di rientro, che seguirà a ritroso il medesimo percorso, il divieto scatta alle ore 17; sempre il 29 viale Collemaggio e via Caldora resteranno chiusi sino al termine del concerto di chiusura, in programma alle ore 22.00 nel piazzale di Collemaggio.
Si segnala che come effetto collaterale delle interdizioni descritte, mercoledì 28 dalle 11 alle 18 e giovedì 29 dalle 19 alle 21 circa si procederà alla chiusura al traffico dell’importante asse viario costituito da via XX Settembre, viale Crispi e via di Porta Napoli.
Si invita, pertanto a programmare percorsi alternativi nelle suddette fasce orarie.
La sala operativa della Polizia municipale è a disposizione al numero 0862.645840 per fornire informazioni sulla viabilità cittadina durante questo periodo.

 

Alla Dama e al Giovin Signore i simboli del Corteo

 Alla presenza del sindaco dell’Aquila, Pierluigi Biondi, sono stati consegnati stamani alla Dama della Bolla e al Giovin Signore i simboli principali del Corteo Storico della Perdonanza celestiniana che si svolgerà il prossimo 28 agosto.

Perdonanza 2019

Durante la cerimonia, che si è svolta nella Sala Rivera di Palazzo Fibbioni, la Dama della Bolla del 2018, Paola Protopapa, campionessa paralimpica, ha consegnato all’omologa figura storica di quest’anno, Sara Luce Cruciani, l’astuccio in cui per secoli è stata contenuta la Bolla del Perdono, emanata da Papa Celestino V all’Aquila alla fine di settembre del 1294, con la quale veniva concessa l’indulgenza plenaria – alle condizioni previste dal sacro documento e dai canoni della Chiesa – a tutti coloro, senza alcuna differenza di classe sociale o altro, che, sinceramente pentiti e confessati, fossero entrati nella basilica di Santa Maria di Collemaggio dell’Aquila dalla sera del 28 alla sera del 29 agosto di tutti gli anni. Sara Luce Cruciani porterà l’astuccio nel Corteo della Bolla del 28 agosto. La Bolla attualmente è esposta nel salone centrale della filiale aquilana della Banca d’Italia e lo sarà fino al 27 agosto. Da dopo l’apertura della Porta Santa di Collemaggio fino alla chiusura della stessa, il 29 agosto, potrà essere ammirata all’interno della Basilica.
Impegnato per lavoro all’estero, come digital composer di un’importante impresa, Andrea Piersanti, Giovin Signore della 724esima Perdonanza, non ha potuto presenziare al passaggio di consegne di stamani. E’ stato pertanto il sindaco Biondi a porre nelle mani di Federico Vittorini, Giovin Signore per quest’anno, il ramo d’ulivo del Getsemani sulla testa del quale è incastonato il sigillo civico in argento simbolo della comunità dell’Aquila. Sarà proprio Federico Vittorini a portarlo nel corso del Corteo storico del 28 e consegnarlo, al termine del Corteo stesso, al cardinale Giuseppe Bertello, che lo utilizzerà per percuotere tre volte la Porta Santa della Basilica di Santa Maria di Collemaggio, ordinandone l’apertura e dando dunque l’inizio al Giubileo dell’Aquila, che durerà fino alla sera del 29 agosto.
Il sindaco Biondi ha ribadito l’importanza e la solennità di questi simboli per la città – che ha avuto in dono dallo stesso Papa Celestino V la Bolla e che la Municipalità custodisce, emblemi di pace, ha detto il sindaco, fratellanza e riconciliazione, i pilastri su cui il Pontefice Santo ha costruito il suo messaggio, ancora oggi di valore mondiale. Questi valori sono affidati oggi a due giovani che, nel decennale del sisma del 6 aprile 2009, rappresentano la nostra rinascita e il nostro futuro. Un ringraziamento a Paola Protopapa, ha concluso il Biondi, per essere stata degna interprete degli stessi valori lo scorso anno.
Alla cerimonia erano presenti la vice presidente e il coordinatore del Comitato Perdonanza, l’assessore Fabrizia Aquilio e il vice sindaco Raffaele Daniele, il presidente del Consiglio comunale, Roberto Tinari, e il vice presidente della Regione, Emanuele Imprudente.