01 Set

Green pass, già obbligatorio ovunque

Dal 6 agosto scorso è possibile svolgere alcune attività solo se si è in possesso di certificazioni verdi Covid-19, Green pass, comprovanti l’inoculamento almeno della prima dose vaccinale, la vaccinazione completa (9 mesi) o la guarigione (validità 6 mesi) oppure un test molecolare o antigenico rapido con risultato negativo (validità 48 ore).

Questa documentazione sarà richiesta per poter svolgere o accedere alle seguenti attività o ambiti:

Servizi per la ristorazione di qualsiasi esercizio per consumo al tavolo al chiuso;

Spettacoli aperti al pubblico, eventi e competizioni sportivi;

Musei, altri istituti e luoghi della cultura e mostre;

Piscine, centri natatori, palestre, sport di squadra, centri benessere, anche all’interno di strutture ricettive, limitatamente alle attività al chiuso;

Sagre e fiere, convegni e congressi;

Centri termali, parchi tematici e di divertimento;

Centri culturali, centri sociali e ricreativi, limitatamente alle attività al chiuso e con esclusione dei centri educativi per l’infanzia, i centri estivi e le relative attività di ristorazione;

Attività di sale gioco, sale scommesse, sale bingo e casinò;

Concorsi pubblici.

Dal 1° settembre il Green pass diventerà obbligatorio sui trasporti pubblici a lunga percorrenza e per il personale scolastico, pena, dopo cinque giorni, la sospensione dal lavoro e dalla retribuzione, non è obbligatorio per gli studenti delle scuole di primo e secondo grado; ed ancora per il personale universitario e per gli studenti universitari, che potranno essere sottoposti a controlli a campione.

Fino al 30 settembre 2021, nelle farmacie aderenti il prezzo del tampone per i minori di età compresa tra i 12 e i 18 anni, sarà pari a 8 euro, mentre per gli over 18, 15 euro.

Le prenotazioni, la gestione degli appuntamenti e l’esecuzione dei test saranno eseguiti autonomamente dalle farmacie, con priorità alla fascia di età 12-18 anni.