26 Nov 21

Fondi europei, buona capacità di spesa?

La spesa dei fondi europei 2014-2020 in Abruzzo compie un notevole balzo in avanti, rileva il presidente Marislio, e si attesta, rispetto alla spesa certificata nel 2020 sul + 18,19 per cento sul Fondo europeo di sviluppo regionale (FESR) e sul + 25,64 sul Fondo sociale europeo (FSE).

In particolare, sul FESR si è passati dalla certificazione dello scorso anno del 28,31 per cento al 46,50 per cento (pari a euro 50mln 464mila 362,00) e sull’FSE dal 28,16 per cento al 58,80 per cento (pari a euro 35mln 501mila 417,61). Da sottolineare che si tratta di spesa certificata al 31 ottobre scorso: l’incremento descritto riguarda quindi solo 10 mesi e non l’anno solare intero. Alla scadenza del 31/12 è quindi lecito attendere un ulteriore, robusto incremento, dato che di solito una parte importante della spesa giunge alla conclusione del processo di certificazione nelle ultime settimane dell’anno.

Marco Marsilio

Manteniamo fede agli impegni presi con l’Unione europea e con gli abruzzesi di aumentare la nostra capacita di spesa e, gradualmente, cerchiamo di sfilare all’Abruzzo la maglia nera, commenta il presidente della Giunta regionale. Maglia nera che l’Abruzzo si stava mettendo sulle spalle a causa di una programmazione sbagliata e inadeguata, e di una ancor peggiore gestione amministrativa e politica, dei Programmi Operativi Regionali, POR, compiuta dalla precedente Giunta di centrosinistra.

Già nella prima scadenza al 31.12.19 la Commissione Europea registrò con pubblici elogi una prima, significativa accelerazione della capacità di spesa ottenuta in pochi mesi di lavoro. Poi, purtroppo, nel 2020 è scoppiata la pandemia e i POR si sono quasi del tutto bloccati, in attesa di utilizzare le risorse per affrontare l’emergenza sanitaria ed economica.

Ora si torna a spendere e certificare gli avanzamenti, e l’Abruzzo mostra una grande capacità di ripresa: se a fine 2020 la nostra si classificava ultima tra le Regioni per il Fondo Sociale Europeo e penultima per il Fondo Europeo di Sviluppo Regionale, oggi (come mostra la tabella allegata) l’Abruzzo si mette dietro tre Regioni per il FESR e ben sei per il FSE. Ringrazio tutta la squadra della Regione che sta lavorando duramente per dimostrarsi all’altezza dei bisogni del territorio.

Approfondisci qui

 

FSC, verso la programmazione 2021/’27

Oltre 218 milioni di euro per interventi legati all’emergenza Covid, 12 mln di euro per il Bonus famiglia, destinati alle fasce più deboli della popolazione, 3 mln di euro per le borse di studio e un pacchetto di interventi innovativi capaci di rispondere alle necessità del territorio, sono i punti di forza della programmazione del FSC, il Fondo di Sviluppo e Coesione, esaminati ieri nel corso della riunione del Comitato di sorveglianza, alla quale hanno preso parte tra gli altri, il presidente Marco Marsilio, la direttrice del Dipartimento della presidenza, Emanuela Grimaldi e la dirigente del Servizio Programmazione nazionale Emanuela Murri, informa una nota istituzionale.

Il Piano, approvato in CIPESS nell’aprile di quest’anno, raggruppa tre cicli di programmazione, 2000-2006; 2007-2013, 2014-2020; con una dotazione complessiva di 2,08 miliardi.

Molti degli interventi, in particolar modo quelli legati al primo ciclo di programmazione, risultano chiusi o comunque in via di chiusura, ha spiegato il presidente Marsilio nel corso del suo intervento. In particolare, Marsilio ha ricordato che, con la stipula dell’Accordo Provenzano, la Regione ha scelto di destinare una parte cospicua di risorse del FSC 2014-2020 (218 milioni su 763, pari a circa il 30%) per finanziare misure utili a fronteggiare la pandemia e interventi del Fesr e Fse definanziati dai rispettivi programmi.

Grazie all’accordo Provenzano e all’impegno delle nostre strutture, ha evidenziato Marsilio, la Regione potrà usufruire di ulteriori risorse premiali, pari a oltre 110 mln di euro. Nell’ulteriore fase della programmazione avremo come unico obiettivo il finanziamento di opere immediatamente cantierabili, al fine di poter intercettare tutte le fonti di finanziamento disponibili, ivi comprese quelle del PNRR e del Fondo Complementare.

Mara Carfagna

Per quanto riguarda la programmazione FSC 2021-2027 nella prima decade del mese di dicembre si aprirà la fase di interlocuzione e programmazione delle risorse nazionali stanziate, 50 miliardi più 23,5 in fase di approvazione, come espressamente richiesto dalla Ministra per il sud Mara Carfagna.

Lavoreremo nell’ottica di un utilizzo integrato e unitario delle diverse forme di finanziamento disponibili in coerenza con gli obiettivi definiti nel documento di programmazione strategica Abruzzo Prossimo, ha concluso.