19 Ott

Bus Ama spa, utenza scesa più del 50%

Il nuovo aumento dei contagi rende necessario uno sforzo in più da parte del Comitato Tecnico Operativo, la struttura allestita dal Comune con il mobility manager, polizia municipale, Ama e Centro turistico, Tua, Cotral, Trenitalia e referenti delle linee commerciali per pianificare ulteriori azioni di contrasto al contagio, così in una nota, l’assessore alla mobilità del Comune dell’Aquila Carla Mannetti.

Poiché l’ultimo decreto del presidente del Consiglio dei ministri entrato in vigore oggi mantiene all’80% il limite massimo della capienza sui mezzi pubblici, il CTO dovrà prevedere una pianificazione volta a favorire il miglior scaglionamento degli ingressi giornalieri nelle scuole e nelle università, anche attraverso il raccordo tra dirigenti scolastici e le società di trasporto pubblico locale, prosegue.

Carla Mannetti

Al momento non si rilevano criticità nel complesso scolastico di Colle Sapone, quello con il più alto numero di scuole, osserva l’assessore Mannetti. Da quando le lezioni sono ricominciate, sono state censite 15 corse più affollate, ma sempre entro i limiti dell’80% della capienza massima di ogni mezzo. Dal 5 ottobre, e cioè da quando sono state riavviate le lezioni all’università, il servizio è stato incrementato con tre corse supplementari. Purtroppo l’utenza complessiva è scesa di oltre il 50% nel periodo 12/18 ottobre rispetto alla stessa settimana del 2019, 6.200 contro 12.500 viaggiatori, con una contrazione significativa degli abbonamenti scolastici, calati dai 1.559 di un anno fa ai 618 di oggi, anche se studenti universitari e alunni delle scuole rimangono gli utenti più assidui dei bus Ama, visto che negli ultimi quattro mesi e mezzo la media dei passeggeri dal 24 settembre al 3 ottobre era già salita a 5.971 unità e che dal 5 ottobre, riapertura dell’Università, è ulteriormente migliorata fino a 7.042 viaggiatori di media al giorno, contro i 2.948 del periodo ordinario.

E’ questo un passaggio del resoconto sulle linee guida per il trasporto locale, predisposto dall’assessorato alla Mobilità del Comune dell’Aquila, approvato oggi dalla Giunta Biondi.

Le sanificazioni del terminal di Collemaggio sono state continue, spiega ancora Carla Mannetti, altrettanto quelle degli autobus. Era naturale l’aumento dell’uso dell’auto privata, con inevitabili ripercussioni sull’ambiente. Per questa ragione, oltre che nell’ambito di una politica complessiva di riduzione dell’inquinamento, l’amministrazione comunale ha incrementato gli incentivi per l’acquisto delle biciclette a pedalata assistita e la risposta è stata confortante, visto che da maggio a oggi sono pervenute 812 richieste di contributi, il 35% del prezzo d’acquisto, per un massimo di 500 euro, e ne sono state liquidate quasi 500, per un totale di quasi 200mila euro. In più gli incentivi per l’acquisto di auto elettriche per i residenti del centro storico e di bus e auto di servizio, in particolare per la polizia municipale, a emissioni zero.

Nella fase 3, quella avviata a luglio, è stata rafforzata l’informazione sul corretto utilizzo del mezzo pubblico, e si è provveduto a organizzare il servizio in modo tale che venisse rispettato il limite dell’80% della capienza di ogni singolo autobus, come disposto dalla normativa. Per decongestionare il traffico all’ingresso ovest della città, conclude la Mannetti, sono state realizzate anche due nuove fermate in uscita e in ingresso, rispettivamente sulla statale 80 e sulla statale 17, mentre alla fine di agosto è stata attivata la navetta che ogni 15 minuti, alternativamente su due diversi percorsi, collega l’ingresso ovest con il terminal di Collemaggio.