11 Nov

Belvedere, sarà demolito solo il ponte

La giunta comunale dell’Aquila ha approvato la soluzione progettuale per la demolizione del solo ponte Belvedere. Lo rende noto l’assessore alla Ricostruzione pubblica, il vice sindaco Raffaele Daniele.

Nel progetto di fattibilità tecnico economica per gli interventi finalizzati alla realizzazione del nuovo ponte, spiega Daniele in una nota, erano previste due opzioni, quella con la demolizione di ponte e fabbricato Ater sottostante e quella con la demolizione del solo ponte. Abbiamo scelto quest’ultima, in quanto economicamente meno onerosa, 260mila euro, contro i 620mila euro nel caso dell’abbattimento anche del fabbricato, e più in linea con le prerogative di attuazione dell’opera complessiva, volute da quest’amministrazione. Intanto proseguono i contatti con Ater e inquilini interessati per il reperimento di alloggi alternativi.


Belvedere, avremo un ponte strallato…

L’Aquila avrà un nuovo ponte Belvedere. A dare l’annuncio sono il sindaco dell’Aquila, Pierluigi Biondi, e il vice sindaco, con delega alla ricostruzione dei beni pubblici, Raffaele Daniele, dopo l’approvazione da parte della giunta comunale, riunitasi in video conferenza, del progetto di fattibilità tecnico economica dell’importante infrastruttura.

Pierluigi Biondi

Siamo di fronte a un punto cruciale per il futuro della nostra comunità, sottolineano Biondi e Daniele. Sarà realizzata un’opera attesa da anni, fondamentale sia per ripristinare la viabilità dell’area sia per ricucire,  non solo in termini architettonici e urbanistici, con eleganza e sobrietà un collegamento importante tra il centro storico e il resto della città.

L’iter per il nuovo ponte viaggerà parallelamente a quello della demolizione dell’esistente affinché non si perda neanche un giorno utile per procedere alla ricostruzione, che avverrà attraverso la procedura dell’appalto integrato. Contiamo, se non vi saranno contrattempi, di avere già entro la fine dell’anno il nome dell’impresa esecutrice, che avrà circa otto mesi per riconsegnare i lavori.

Raffaele Daniele

4,8 milioni di euro il costo complessivo delle opere, che saranno realizzate secondo l’ipotesi progettuale proposta dalla Breng bridge engineering. La soluzione individuata, quella del ponte ‘strallato’, presenta la massima modernità formale, caratterizzandosi come un forte segno distintivo della città ed una vera e propria piattaforma aerea di belvedere sulla valle,  è scritto nella delibera approvata dall’esecutivo. La semplicità dello schema strutturale e la leggerezza garantiscono il minimo scostamento dal modello teorico, su cui fondare le valutazioni di comportamento statico e dinamico. 9 ottobre 2020.