27 Dic

Vietati brindisi all’aperto il 24, il 31 e l’1

Il 31 dicembre e il 1° gennaio 2021 sarà proibito il consumo di bevande per brindare in occasione delle festività natalizie in tutti gli spazi all’aperto del centro storico dell’Aquila e delle frazioni, così come il 24 dicembre.

Il sindaco Biondi

Lo stabilisce un’ordinanza del sindaco dell’Aquila, Pierluigi Biondi, che ha raccolto le indicazioni del Comitato ordine e sicurezza pubblica convocato in data odierna dalla Prefettura.

Come previsto dalla normativa vigente, nei giorni festivi e prefestivi l’intero territorio nazionale sarà classificato come zona rossa: potranno rimanere aperti, tra gli altri, negozi di generi alimentari e prima necessità, mentre per bar e ristoranti saranno consentite solo attività d’asporto, fino alle 22, e consegna a domicilio, senza restrizioni.

L’attività di controllo e monitoraggio del territorio da parte delle forze dell’ordine durante il periodo delle festività sarà molto intensa, come ribadito nel corso della riunione del Comitato.

Si è ritenuto utile, pertanto, ribadire che il tradizionale momento di incontro per l’aperitivo del 24 dicembre non potrà svolgersi.

Sarà possibile acquistare bevande in bar, negozi o supermercati ma non consumarli in luoghi pubblici come strade e piazze per il classico brindisi beneaugurale. Una limitazione che sarà valida anche nei giorni dell’ultimo dell’anno e di capodanno. Mi appello al senso di responsabilità di tutti affinché, ovunque, vengano osservati comportamenti corretti, rispettosi della salute propria e altrui, oltre che delle leggi, dichiara il sindaco dell’Aquila, Pierluigi Biondi.

 

Aperitivi e piste da sci, controlli serrati

Controlli serrati per l’aperitivo della Vigilia di Natale, per le strade e nelle piazze, e controlli nelle località sciistiche per evitare l’assalto e gli assembramenti sulla neve. E’ quanto ha stabilito il Comitato ordine e sicurezza pubblica presieduto dal prefetto Cinzia Torraco, in videoconferenza con i sindaci, il questore e le forze dell’ordine interessate.

Nel corso dell’incontro, riferisce una nota ufficiale, il prefetto ha ribadito la necessità di intensificare i servizi di controllo sul territorio provinciale, dando seguito, peraltro, alle raccomandazioni sul tema pervenute dal capo della polizia, Franco Gabrielli.

Il prefetto Cinzia Torraco

Per quanto concerne il tradizionale rito dell’aperitivo della vigilia di Natale, si è convenuto di non rendere possibile l’effettuazione dello stesso, in considerazione dell’alto rischio di possibili assembramenti e nella determinazione, espressa da tutti i presenti, di attuare tutte le misure possibili per contenere la diffusione del virus.

Nello specifico saranno intensificati sia controlli con etilometri previsti su tutte le strade che quelli negli esercizi commerciali per il rispetto del divieto di vendita di bevande alcoliche ai minori.

Analoga attenzione sarà rivolta al mercato domenicale natalizio che si svolge a piazza Duomo: sono state concordate misure di controllo che verranno disciplinate attraverso la creazione di varchi di accesso e di uscita per l’ingresso a scaglioni di un numero limitato di persone nell’ovale della piazza, prosegue la nota.

Un particolare focus è stato rivolto ai controlli previsti nelle località sciistiche, per evitare l’elusione del divieto di accesso alle piste, e sulle strade di montagna per la problematica relativa alle seconde case. 19 dicembre 2020.