24 Ott

Patto di responsabilità, fronte comune

Un patto di responsabilità affinché i rappresentanti istituzionali del territorio aquilano facciano fronte comune per l’emergenza sanitaria. È la proposta lanciata nel corso di un incontro che si è svolto in videoconferenza tra il sindaco dell’Aquila, Pierluigi Biondi, e gli esponenti del capoluogo d’Abruzzo presenti in Regione, ovvero il vice presidente della giunta regionale, Emanuele Imprudente, l’assessore al Bilancio e Aree interne, Guido Liris, il vice presidente del Consiglio regionale, Roberto Santangelo, e i consiglieri Americo Di Benedetto e Pierpaolo Pietrucci.

Pierluigi Biondi

Una riunione, dichiarano in una nota congiunta, in cui si è fatto il punto su quanto emerso nel corso del Comitato ristretto dei sindaci che si è riunito nella mattinata di giovedì alla presenza dei vertici dell’Azienda sanitaria locale per discutere della situazione nel territorio aquilano alle prese con la recrudescenza della pandemia.

Ognuno, nel rispetto del proprio ruolo, si rende disponibile a collaborare a sostegno della comunità mettendo in campo azioni concrete per affrontare le molteplici questioni che si prospettano, con il necessario supporto delle istituzioni che rappresenta. Garantiamo sin d’ora il nostro impegno a supportare il sistema della medicina del territorio e gli operatori sanitari ai quali va la nostra riconoscenza per lo straordinario lavoro quotidiano.

Pierpaolo Pietrucci

Saremo, inoltre, al fianco del sistema produttivo aquilano. Riconosciamo le grandi difficoltà generate sia dalle restrizioni emanate per contenere il contagio sia dalla minore propensione ai consumi e agli acquisti che rischiano di compromettere interi settori dell’economia locale.

Americo Di Benedetto

Siamo consapevoli che il coronavirus sta  affannando i nostri imprenditori: non li lasceremo soli, proponendo misure economiche strutturali per agevolare la ripresa degli investimenti.
La nostra città e il Paese stanno vivendo un momento di estrema difficoltà: verrà il tempo in cui la legittima dialettica politica tornerà ad animare il dibattito. Ora, in questa fase storica, tutte le energie devono convergere sulla lotta al contagio, conclude la nota.


Ordinanze restrittive da concertare con il prefetto

Si deciderà nel fine settimana, dipenderà dall’andamento del contagio, un’eventuale didattica a distanza per le ultime classi delle scuole superiori del capoluogo, così da evitare al massimo i contatti.

Il prefetto Cinzia Torraco

E’ quanto ha comunicato il sindaco Pierluigi Biondi alla città, in un video in cui ha sintetizzato anche l’intensa giornata trascorsa.
Questa mattina con il prefetto Cinzia Torraco, nel corso della riunione del Comitato Ordine e Sicurezza Pubblica, con i vertici delle Forze dell’Ordine, della Asl, la collega di Sulmona ed il neo sindaco di Avezzano, collegato in remoto, è stato fatto il punto sui luoghi della movida e sul come coordinarsi nel caso di chiusura di strade e piazze ad alto rischio contagio, così come previsto nell’ultima ordinanza della Presidenza del Consiglio.

Le eventuali ordinanze restrittive sul tema, si legge in una nota della Prefettura, saranno emanate dai Sindaci, quali Autorità sanitarie locali e Autorità locali di Pubblica Sicurezza, previa valutazione con la Asl a seguito di incrementi nelle curve epidemiologiche nei territori interessati: l’adozione di tali interventi richiederà comunque la più ampia concertazione e collaborazione tra Sindaci e prefetto, da attuare in sede di Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica, alla presenza dei responsabili delle strutture sanitarie territoriali. Tale concertazione consentirà di valutare tutti gli aspetti connessi all’individuazione delle aree interessate, dall’opportunità di applicare le restrizioni solo in determinati giorni della settimana, limitandole a quelli caratterizzati da un più intenso afflusso di persone, alla eventuale chiusura parziale delle strade o delle piazze. La definizione della forza pubblica, da impiegare nell’espletamento dei servizi, sarà oggetto di apposite riunioni tecniche di coordinamento organizzate dal Questore.  Il Prefetto Torraco ha inteso in questo modo trasmettere ai Sindaci la propria vicinanza e  collaborazione, garantendo loro che non saranno lasciati soli nell’assunzione di tali decisioni che saranno condivise e collegialmente esaminate.

Ma anche un po’ di controllo sui territori, si potrebbe aggiungere, con la mano lunga del governo centrale.

Roberto Testa

Ad ogni modo il sindaco Biondi promuoverà una sollecitazione alla Asl per incrementare la medicina territoriale ed il tracciamento dei contatti a rischio contagio e migliorare la comunicazione al cittadino.

In serata, visto il momento critico in relazione ai contagi nel capoluogo, il primo cittadino ha incontrato gli amministratori eletti in Regione con i quali ha condiviso la necessità di un percorso unito e solidale, in nome dell’interesse della città dell’Aquila.

Infine un appello ai cittadini a rispettare le regole e la promessa di non lasciare sole le attività produttive in un momento così difficile e delicato.

Intanto nella giornata di ieri, Polizia di Stato, Carabinieri, Guardia di Finanza, Polizia Provinciale e Polizie Municipali della provincia, hanno effettuato sul territorio provinciale 510 controlli personali, con 1 persona sanzionata e 33 attività/esercizi controllati. 22 ottobre 2020.