05 Ago

Aeroporto, test anche con green pass

Con le note prot.42/2021 dell’11.07.2021 e n. 43/2021 del 12.07.2021, il referente sanitario regionale per le emergenze, Alberto Albani, ha richiesto per i passeggeri provenienti da Spagna, Malta e Regno Unito, all’Aeroporto internazionale d’Abruzzo, l’esecuzione, all’arrivo, di test molecolari anche nel caso in cui avessero la green card, considerato l’andamento epidemiologico dell’infezione da Covid 19 e in particolare delle varianti Delta e Delta plus.

L’ordinanza n.37 del 12 luglio 2021, applica la circolare prot.RA/0287258/21 del 12.07.2021 sull’allerta internazionale sulla variante Delta, raccomandando espressamente di continuare a monitorare con grande attenzione la circolazione delle varianti del virus; rafforzare le attività di tracciamento dei casi e dei contatti di caso; applicare tempestivamente e scrupolosamente sia le misure di contenimento che le misure di isolamento e quarantena in caso di variante Delta sospetta o confermata, per le quali si rimanda alla circolare n. 22746 del 21.05.2021.

Prevede inoltre di applicare le indicazioni della circolare del Ministero della Salute n. 3787 del 31.01.2021, sequenziando prioritariamente i campioni provenienti da:

soggetti vaccinati che successivamente si infettano nonostante lo sviluppo di una risposta immunitaria al vaccino;
soggetti in contesti ad alto rischio, quali ospedali nei quali vengono ricoverati pazienti immuno compromessi positivi per lunghi periodi;
casi di reinfezione;
soggetti in arrivo da Paesi con alta incidenza di varianti;
in caso di aumento dell’incidenza o cambiamento nella trasmissibilità e/o virulenza dell’infezione in un’area;
soggetti appartenenti a cluster per valutare la catena di trasmissione e/o l’efficacia di strategie di contenimento dell’infezione;…

L’aeroporto internazionale d’Abruzzo contempla l’arrivo di voli provenienti, tra gli altri Paesi, da Spagna, Malta e Regno Unito; condividendo la richiesta del referente sanitario regionale, si legge ancora nel disposto, ordina l’esecuzione, all’atto dello sbarco, dei test molecolari per la rilevazione del virus nei passeggeri provenienti da Malta, Spagna e Regno Unito; alla Asl di Pescara ed alla Asl di Lanciano/Vasto/Chieti, di predisporre tutte le misure organizzative utili ad assicurare l’attuazione di quanto ordinato e che sarà possibile estendere la misura anche nei confronti dei passeggeri provenienti da altri Paesi, in coerenza con l’evolversi dello scenario epidemiologico.